Strategia di ripartenza

Strategia di ripartenza

Aprile 7, 2020 0 Di Forma Mentis

Stiamo pensando a come sarà il nostro lavoro quando le persone torneranno a viaggiare, quando accoglieremo i primi turisti che in questo momento stiamo tutti aspettando. Tuttavia è importante più che mai adesso pianificare il nostro riaffacciarsi al mercato, studiare e impiegare il tempo a disposizione per il miglioramento.

Ripartire è la parola chiave di molte nostre discussioni e oggi vogliamo darvi consigli pratici su come farlo:

  • Puntate al turismo domestico. E’ indubbio che nel breve termine, gli unici turisti che accoglieremo saranno i nostri connazionali. L’importate è chiedersi se il nostro prodotto è studiato per la clientela italiana e individuare i margini di miglioramento per adeguarlo al target.
  • Ecco che è necessario focalizzarsi sui punti di forza del nostro prodotto proprio in riferimento al mercato italiano. Il consiglio è di rileggere le recensioni ricevute nell’ultimo anno proprio dalla clientela italiana. Lo sappiamo che è un tasto dolente, tuttavia è la voce dei nostri ospiti che parla e meglio di loro nessuno non può dirvi come farli felici nello specifico. Oltre che ad analizzare attentamente cosa gli è piaciuto e attivare strategie per rafforzarlo, non trascuriamo anche ciò che non hanno gradito e pensiamo a come migliorarlo.
  • Di conseguenza è necessario rivedere la nostra strategia di vendita. Le statistiche attuali parlano di una timida ripresa della fase “dream” del turista italiano che, nella volontà di distrarsi, cerca la destinazione della sua prossima vacanza. E’ qui che dovremo sfoderare la nostra abilità nell’intercettare quella curiosità.
  • E perché non andare ad attingere da quel grande patrimonio del vostro cliente fedele per partire? Potrebbe sembrare un’azione all’interno della zona di comfort, al contrario potrebbe rivelarci come abbiamo dato fin troppo per scontato il potere in mano al nostro miglior collaboratore. Il repeater. Cosa facciamo per tenere alta l’attenzione sul nostro marchio? Per non far perdere il ricordo? Per attivare il bisogno di ritrovarci?
  • Comunicare è la chiave. Nella fase in cui il lockdown impedisce il viaggio fisico, possiamo riconsiderare il vantaggio degli strumenti di comunicazione a disposizione. Far sapere ai nostri follower, nonché clienti fedeli+ospiti potenziali, come ci stiamo approcciando al cambiamento, come stiamo adeguando il prodotto per farli sentire al sicuro, non appena torneranno a trovarci e soprattutto come stiamo scegliendo di valorizzare il vostro territorio, favorirà la diffusione di uno stato di maggiore speranza. Ed è quello di cui tutto abbiamo bisogno.

Abbiamo il tempo di dedicarci a questo e siamo qui per aiutarvi in ogni singolo punto. Da dove cominciamo?

Aiutaci a crescere, condividi se ti è piaciuto.